play_arrow

keyboard_arrow_right

skip_previous play_arrow skip_next
00:00 00:00
playlist_play chevron_left
volume_up
chevron_left

Sim Racing

L’intervista a David Greco. Il professionismo nel Simracing

Marco Della Monica 25 Maggio 2018 105


Background
share close

Incontro David Greco senior car handling designer di Codemaster. In poche parole c’è lui dietro il franchise F1. Ci facciamo spiegare cosa sta diventando, per lui, il simracing.

David Greco, senior car handling designer di Codemaster e pilota ufficiale della stessa software house inglese Codemaster, è quello che sta dietro la dinamica delle monoposto protagoniste della simulazione ufficiale Formula Uno. David, in buona sostanza, ne rappresenta con il suo lavoro il cuore.

La simulazione di guida sta diventando non solo un passatempo sempre più alla moda, ma la capacità di coinvolgere un numero crescente di fan rappresenta una occasione d’oro per il marketing dei Costruttori che vedono la possibilità di avvicinare un pubblico il cui interesse sembra si stia allontanando dal mondo delle quattro ruote.

Una visione in parte opinabile, ma questo adeguare la comunicazione ufficiale al trend del momento è un modo intelligente di intercettare un interesse spontaneo che sembra essersi affievolito.

E’ in questa ottica che bisognerebbe leggere il recente coinvolgimento di Renault, quello di Porsche con l’e-Carrera Cup e di tante altre iniziative in giro per il mondo che dimostrano come il sim-racing stia diventando non solo un passatempo per appassionati, ma un settore in grado di recitare da protagonista anche nel mondo del professionismo a quattro ruote.

Come un vero tester

David Greco alla guida del simulatore
David Greco nel simulatore. Il suo ruolo è molto simile a quello di un vero e proprio tester. Tutte le informazione che mette insieme durante la guida le trasferisce ad un piccolo team di programmatori che lavora con lui

David Greco è un ragazzo di Civitavecchia trapiantato a Birmingham e che ricopre un ruolo strategico all’interno di Codemaster ed in questa puntata emergono particolari estremamente interessanti e che aiutano a comprendere il livello di specializzazione e raffinatezza di questo mestiere.

Car Handling Designer. Come funziona?


Innanzitutto uno si aspetta che il ruolo di car handling designer sia quello di un nerd in grado di perdersi tra codici esoterici di programmazione mentre invece, il suo ruolo è molto simile ad un vero collaudatore: scende nel suo cockpit/simulatore e inizia a registrare sensazioni che poi trasmette a due programmatori che lavorano con lui.

Abbiamo parlato delle varie piattaforme, delle differenze tra arcade, sim-cade (una sua efficace definizione) e vero e proprio ambiente simulativo ed il bello che David fa i nomi (i titoli) che rappresentano il riferimento per le varie sue classificazioni. Ci ha spiegato le finalità ultime del titolo Formula 1 e degli studi sul realismo che stanno migliorando moltissimo rispetto alle prime versioni e che hanno avuto una decisa e positiva accelerazione proprio con il sui ingresso in Codemaster (questo l’ho detto io leggendo diversi forum sull’argomento).

Al riguardo è interessante scoprire come lavorare su un titolo dedicato alla Formula 1 si scontri anche con una penuria di dati dinamici che i team chiaramente concedono con il contagocce. Anche questo può essere letto come parte di una precisa strategia di posizionamento del titolo nell’universo dei giochi di guida.
In questa puntata, insomma , David Greco ci spiega come lavora all’interno di una grande software house dedicata ai titoli automobilistici e come si trova anche in relazione ad un mercato in grado di attrarre professionalità come la sua.

Vivere di simracing. Si può

Poi ci racconta il suo essere anche sim driver ufficiale Thrustmaster. David è stipendiato anche per questa sua attività.  Nella sua partecipazione al Vegas eRace, la gara di Formula E al simulatore organizzato a Las Vegas durante il CES 2017, ha rischiato di sbancare. Il montepremi altissimo (200.000 $ al vincitore) se lo è giocato con un pugno di altri piloti, tra cui il solo Felix Rosenqvist tra i piloti veri di Formula E, e solo un incidente di gara lo ha messo fuori gioco. Suo però il giro più veloce che gli ha fruttato ben 10.000 $ e che ha in parte mitigato la delusione.

Una puntata tutta da ascoltare per comprendere la vita e l’attività di un professionista del sim racing, una figura professionale che fino a pochi anni fa non si sarebbe mai immaginata. Ecco, David Greco, a suo modo, rappresenta una testimonianza di come il mondo del lavoro si stia trasformando con una velocità degna di una Formula 1. Quella vera.

Come ascoltare il Podcast di Motorsport Republic+

Tutte le puntate del podcast di Motorsport Republic+ le puoi ascoltare all’interno di ogni articolo dedicato, come questo, oppure collegandoti su Spreaker.com cercando la pagina del “Podcast di Motorsport Republic” o, per gli appassionati di SIM Racing anche SimRacing Podcast . È possibile trovare e seguire la pagina anche su Spotify, iTunes, Castbox.fmStitcher.com.

Ma il podcast consente anche di ascoltare ogni puntata in mobilità. Durante il tuo fitness time, in macchina. Dove e quando vuoi. Per farlo è semplicissimo: scarica le app di Spreaker.com, Castbox.fm o Stitcher.com oppure Google podcast, Apple podcast e se utilizzi Spotify troverai la sezione dedicata proprio ai podcast. Nella app che sceglierai cerca “il podcast di Motorsport Republic+” o “Simracing podcast”  e non dimenticare di abbonarti ai canali per ricevere la notifica di ogni nuova puntata che potrai ascoltare in streaming o scaricare.

Buon ascolto

Tagged as: , , , .

Rate it
Avatar
Author

Marco Della Monica

Ho sempre amato la guida e l’auto come il naturale mezzo per viverla. E sono convinto che non sono solo le moto a spostare l’anima, così come non servono cavalli in quantità industriali per divertirsi al volante. Mi intriga la fotografia, ma amo scrivere. E questo è quello che posso offrire. Momenti raccontati.

list Archive

Previous post
Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *